Sicurezza sul lavoro

In Italia sono oltre 10 milioni gli occupati che sono soggetti a rischio per almeno un fattore in termini di sicurezza sul lavoro.
Secondo il centro statistico e di ricerca italiano Istat, fra il totale di qeusti dipendenti lavoratorioltre 8 milioni 706 mila avvertono la presenza di fattori di pericolosi di rischio che potrebbero metter a repentaglio la salute fisica dei lavoratori, mentre 4 milioni 58 mila ritengono di essere esposti a rischi che potrebbero pregiudicare l'equilibrio psicologico dell'individuo.

Etichette:

lunedì 29 dicembre 2008
Inserito da: Admin, 19.32 | Link | 0 Commenti

FEDERAZIONE ITALIANA INCONTINENTI - FINCO

La Federazione Italiana Incontinenti (FINCO) è un'Associazione di volontariato fondata nel 1999, che vede tra i suoi obiettivi l'aggregazione, la tutela ed il reinserimento sociale dei cittadini incontinenti (il 60% donne) e più in generale delle persone colpite da disturbi del pavimento pelvico. La FINCO, oltre alla tutela della qualità di vita dei pazienti incontinenti è attenta alla qualità dei dispositivi medici (pannoloni, traverse, sonde, cateteri, tamponi vaginali, anali, etc.), rivendica la rimborsabilità dei farmaci per la continenza e l'utilizzo delle nuove tecnologie mediche e chirurgiche. L'Associazione tutela i pazienti oncologici e i familiari, che a causa di un tumore alla prostata, vescica, collo dell'utero, pavimento pelvico, etc., spesso soffrono di incontinenza e non trovano risposte adeguate ai propri bisogni (cura, prevenzione, assistenza, riabilitazione, dispositivi medici adeguati, carenza di bagni pubblici, diritti sessuali, tematiche psicologiche, lavoro, scuola, hospice, etc.). Per contatti: 800.050415 - 080.5093389
WWW.FINCO.ORG

Etichette:

sabato 6 dicembre 2008
Inserito da: Admin, 21.14 | Link | 0 Commenti

GIORNATA NAZIONALE INCONTINENZA - 28 GIUGNO

L'Associazione dei pazienti FINCO, grazie al Ministero della Salute ha stimolato la "Giornata nazionale per la prevenzione e la cura dell'incontinenza", istituita con la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 maggio 2006 (in Gazzetta Ufficiale n.186, dell'11 agosto 2006). La "Giornata", si festeggia ogni anno il 28 giugno con il patrocinio del Ministero della Salute, ed i messaggi del Presidente della Repubblica, in collaborazione con le strutture Ospedaliere accreditate e 14 Società scientifiche. Le strutture sanitarie che il 28 giugno 2007 aderiscono alla "Giornata" forniranno visite specialistiche e/o un primo consulto "gratuito", prenotabili presso i numeri di telefono di reparto e/o il Numero Verde dell'Associazione pazienti: 800.050415.
WWW.GIORNATAINCONTINENZA.COM

Etichette:


Inserito da: Admin, 11.32 | Link | 0 Commenti

Natale a tavola: ecco un "buon" pretesto

Al contrario di quel che comunemente si pensa, le belle tavolate nelle feste natalizie possono avere un aspetto positivo. Facile è pensare alle pietanze ipercaloriche, ricche di grassi e apparentemente poco salutari, ma i cibi consumati in questo periodo sono anche ricchi di calcio, sostanza utile e fondamentale alla prevenzione dell'osteoporosi.

Molti sono gli alimenti ricchi di calcio e vitamina D, tanti da poterne fare un buon elenco:
latte, latticini, legumi, pesce azzurro e uova.

Generalmente sono le donne a risentire maggiormente di questa patologia, e una sana - seppur ricca - cucina può essere di grande aiuto; per questo il periodo natalizio può diventare l'inizio di un ciclo dietetico in aiuto alla nostra salute.
Importante - come sempre - è la prevenzione, infatti è necessario agire in fase giovanile per il benessere del nostro corpo anche in fase più critica. La fragilità ossea è un problema sanitario, oltre che fisico del paziente, e un corretto stile di vita diventa un punto fondamentale.

L'Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna ha in programma - nel 2009 - di occuparsi anche su questa tematica: la proposta sarà quella di rendere obbligatoria la dicitura "per osteoporosi" nel caso di dimissione ospedaliera a seguito ricovero per frattura.

Etichette:

giovedì 4 dicembre 2008
Inserito da: Simona, 17.17 | Link | 0 Commenti

Pigri e poco sport... ma stanno bene

Un sondaggio condotto dal 2007, da parte di strutture sanitarie nazionali, rileva che i cittadini italiani fanno poco sport e hanno "cattive" abitudini salutari.
I dati relativi alla più alta aspettativa di vita che ci premia, rispetto agli altri Paesi della Comunità Europea, sembrano non farci sentire peggio dei nostri "concittadini".

L'indagine si è basata su un campione di circa 21.500 persone tra i 18 e i 69 anni, denominato "PASSI" il sistema di sorveglianza portato avanti dalle Regioni dietro progetto del Welfare [Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia]. L'invito, sulla base dei risultati, è quello di migliorare l'attenzione alle proprie abitudini quotidiane limitando i fattori di rischio per la nostra salute.
In generale, emerge che più della metà degli italiani si ritiene in buono stato di salute e benessere.

I dati negativi presenti e più comuni si possono qui elencare:
- poco sport, ancora alta la percentuale dei sedentari; solo il 33% pratica un'attività fisica
- sovrappeso, "solo" l'11% sono obesi ma quasi la metà dei campioni hanno chili di troppo
- ipertensione, il 22% risulta soffrire di questa patologia e quasi tutti trattati con farmaci
- fumatori, ammonta al 31% questa categoria pur rispettando i divieti nei locali pubblici
- alcol, il 16% si dichiara abituale consumatore avvicinandosi alla zona rischio
- poca prevenzione, si presentano attente le donne (riferito al controllo consigliato) ma solo il 70% segue le cadenze raccomandate
- pochi vaccini anti-influenza, solo una minima parte delle persona già a rischio (con deficit immunitario) l'ha somministrato nell'arco del 2006-2007
- depressione, il 10% degli intervistati confida di aver avuto recenti sintomi ma meno della metà hanno chiesto supporto al medico curante.

Etichette:

mercoledì 3 dicembre 2008
Inserito da: Simona, 17.54 | Link | 0 Commenti

Regione Toscana: assistenza "PuntoInsieme"

Negli ultimi mesi in Toscana stanno aprendo diversi centri di PuntoInsieme.
PuntoInsieme è un progetto promosso dalla Regione Toscana, attivo su tutto il territorio regionale, oggi sono arrivati a circa 300 gli sportelli a favore dell'assistenza cittadina.
Il servizio è rivolto alle persone non autosufficienti, dietro consultazione col proprio medico, ma anche ai loro familiari, un conoscente o un operatore di volontariato.
In questo Centro di servizio si dovrà compilare una scheda con i dati e dettagli della persona da assistere, circa lo stato di salute e il suo bisogno. Una volta valutata questa scheda verrà definito un progetto personalizzato per ogni singolo caso: un elenco di prestazioni necessarie e appropriate in base alle condizioni della persona non autosufficiente; questo dovrà poi essere sottoscritto dai familiari e condiviso dagli operatori del Centro.
Sarà obbligatorio nominare un referente, la persona alla quale gli operatori si rivolgeranno durante l'intero percorso.

Per maggiori informazioni e dettagli si può visitare il sito della Regione Toscana oppure chiamare il Numero Verde 800 860070

Etichette:

martedì 2 dicembre 2008
Inserito da: Simona, 23.00 | Link | 0 Commenti

La bicicletta fa bene alla salute... del cuore

Andare in bicicletta favorisce la circolazione sanguigna e la solidità delle fibre muscolari.
Per questo ne beneficia il cuore, il nostro muscolo più importante basato sulla vascolarizzazione.
Il "ciclismo" - inteso come forma di movimento quotidiano - è un'ottima attività aerobica centrata quindi sulla respirazione e, come tale, porta a una serie di elementi importanti per la nostra salute, sia fisiologica che estetica.

A differenza di altre attività motorie e/o sportive, l'uso della bicicletta ha minori rischi di traumi articolari - molto comuni invece in altre attività come il calcio o la corsa.
Come abbiamo già accennato, favorisce l'ossigenazione dei tessuti grazie a una migliore circolazione vascolare, tonificando i muscoli (in particolare quelli delle gambe e dei glutei) e quindi rende più robusto il cuore rallentandone - col tempo - la frequenza cardiaca. Il ciclismo attiva, inoltre, una significativa azione dimagrante grazie all'elevato consumo di calorie.
Ovviamente, come per tutte le attività sportive e/o motorie, per "vedere" i benefici è necessario praticarla quotidianamente o comunque in tempi continui e regolari.

Un altro aspetto positivo della bicicletta è che... può andarci chiunque!

Etichette:


Inserito da: Simona, 18.45 | Link | 0 Commenti

Stanco e stressato? Eleuterococco fa per te!

Eleuterococco

Eccezionale per la stanchezza e lo stress.
L'eleuterococco, nome scientifico Eleutherococcus senticosus o Acanthopanax senticosus, è una pianta di origine Asiatica (Siberia, Mongolia e Cina) appartenente alla famiglia delle Arialacee;
l'arbusto è spinoso, ha foglie palmate e può raggiungere un'altezza di circa 3 metri.
L'eleuterococco (raramente ciwuja) è noto anche come ginseng siberiano, ma a dispetto del nome esso non è una varietà di ginseng;
il vero ginseng infatti comprende due varietà, quella americana, nome scientifico Panax quinquefolium, e quella cinese, nome scientifico Panax ginseng.
Eleuterococco e ginseng sono prodotti erboristici le cui indicazioni sono praticamente le stesse nonostante la diversità dei loro principi attivi.
Nell'eleuterococco i componenti attivi, denominati eleuterosidi, sono contenuti nella radice.
Il ginseng siberiano è ritenuta pianta dalle caratteristiche adattogene e quindi in grado di aumentare la resistenza dell'organismo a fattori stressanti (sia fisici che psichici).
Esso viene commercializzato come sostanza dalle innumerevoli virtù: alcune fonti gli attribuiscono capacità antinvecchiamento, antiossidanti e immunostimolanti;
altre fonti ritengono che il ginseng siberiano sia inoltre in grado di aumentare la forza fisica e la resistenza e di diminuire la frequenza cardiaca durante gli sforzi fisici.
L'uso dell'eleuterococco viene quindi consigliato in caso di astenia fisica e sessuale, deperimento fisico, stress, preparazione agli esami, depressione, decadimento delle performance fisiche e psichiche e situazioni di stress in generale.

Etichette:


Inserito da: Fiscet.it, 09.58 | Link | 0 Commenti