Il veleno nel sangue



Progetto Sebiomag, un osservatorio clinico svolto con analisi di laboratorio su abitanti di Gela e zone limitrofe.
I risultati delle analisi, molto allarmanti: di metalli pesanti nel sangue e nelle urine dei soggetti analizzati, abitanti a Gela ,Niscemi e Butera. I metalli che sono stati oggetto di studio sono l’arsenico,il mercurio,il selenio,il rame,l’antimonio,il tallio,il berillio,il piombo,il cadmio,il vanadio. Semaforo rosso per l’arsenico che nei campioni analizzati(Sangue intero,Plasma,Urine) colpisce una parte diffusa di cittadini di Gela dove si è vista un presenza superiore alla norma.
Tra i possibili responsabili l'acqua destinata al consumo inquinata da pesticidi e vari inquinanti e il cibarsi di crostacei pescati localmente che assorbono gli inquinanti presenti nelle acque del mare.

Etichette:

lunedì 20 luglio 2009
Inserito da: julianne, 17.47 | Link | 0 Commenti

Il Make Up di tendenza Estate 2009


Il trend trucco per questa stagione 2009 e' il make-up a "effetto nudo".
Leggero e luminoso per Dare al viso il massimo della luminosità e della freschezza. Stop all'incarnato spento e alle labbra opache: oggi il nude look brilla di luce propria, colori tenui, naturali, linee poco accentuate e pelle curatissima. truccarsi diventa piu' facile delle estati passate via libera all'aspetto fresco e naturale. per chi desidera aggiungere colore sulle palpebre, da preferirsi le sfumature del viola.

Etichette:

giovedì 16 luglio 2009
Inserito da: julianne, 23.22 | Link | 0 Commenti

Influenza A. Le Novita'



L'influenza di tipo A, la nuova influenza che arriva dal Messico solleva meno paure ultimamente, questo e' dovuto al clima estivo ma al ripartire delle nebbie riprenderanno i casi.

Sembra non sollevi piu' la paura di mortalita' frequente ma i casi saranno comunque molti, fino a 4 milioni afferma Ferruccio fazio, vice ministro della slaute.
Il vaccino dovrebbe essere distribuito a Novembre.

Etichette:


Inserito da: julianne, 23.08 | Link | 0 Commenti

Linfomi cutanei: prognosi negativa se coinvolti arti


Nei pazienti con linfomi anaplastici cutanei a grandi cellule (ALCL), un estensivo interessamento degli arti e la progressione verso il coinvolgimento extracutaneo sono fattori predittivi indipendenti di esiti negativi. I pazienti con ALCL cutanei primari hanno in genere una prognosi eccellente, ma vi sono prove del fatto che un sottogruppo di questi pazienti vada incontro ad un decorso clinico più aggressivo. In caso di estensivo interessamento degli arti, dunque, sarebbe opportuno prendere in considerazione una terapia sistemica con o senza radioterapia di consolidamento. Gli esami genetici hanno comunque rivelato che i pazienti con questo tipo di malattia presentano un assetto genico distinto, e sono stati individuati alcuni farmaci che potrebbero rivelarsi efficaci in questi casi.

Etichette:

mercoledì 15 luglio 2009
Inserito da: benessere salute, 16.12 | Link | 0 Commenti

Tumori cervicali: test Hpv non migliora screening


L'aggiunta del test dell'Hpv alla citologia dei liquidi (LBC) non aumenta l'accuratezza dello screening dei tumori cervicali. Questo esame può anche rilevare lesioni non evidenti all'esame citologico, ma l'effetto aggiuntivo è limitato: la sua aggiunta di routine allo screening per i tumori cervicali quindi probabilmente non è conveniente, e non è raccomandata al momento. Vi sono stati già altri studi che hanno esaminato i benefici del test dell'Hpv in questo ambito, ma si tratta di studi basati sulla citologia convenzionale, mentre la LBC oggi è ampiamente utilizzata nelle zone sviluppate. Vi sono tuttavia dei potenziali vantaggi nell'uso del test dell'Hpv piuttosto che della citologia come singolo test di screening, come ad esempio una maggiore sensibilità e la possibilità di intervalli più prolungati, e pertanto i prossimi studi dovrebbero individuare il miglior modo di applicare questi test allo screening primario dei tumori cervicali.

Etichette:


Inserito da: benessere salute, 16.08 | Link | 0 Commenti

Stile di vita, stress e rischio cardiovascolare

Il legame fra lo stress psicologico ed il rischio cardiovascolare può essere in larga parte spiegato dal comportamento individuale, con elementi quali il fumo ed il livello di attività fisica: il trattamento dello stress psicologico in sé potrebbe dunque non essere il miglior approccio per la riduzione del rischio cardiovascolare. Se lo scopo è quello di trattare le patologie mentali onde ridurre il rischio cardiovascolare, è necessario adottare un approccio alquanto ampio, e non limitarsi alle componenti psicologiche: è necessario tenere conto anche dei fattori di rischio comportamentali, con particolare enfasi sull'attività fisica e sulla cessazione del fumo. Il trattamento delle malattie psicologiche, comunque, è un'area di considerevole interesse nella cardiologia clinica e nella ricerca inerente: vi sono di certo fattori psicosociali implicati nelle cardiopatie, ed i soggetti "stressati" o "depressi" presentano un aumento del 50 percento del rischio di malattie cardiovascolari rispetto alle loro controparti libere da elementi stressanti a livello psicosociale. Sono però meno chiari i fattori intermedi che spiegherebbero l'associazione in oggetto: la comprensione dei vari processi comportamentali e fisiopatologici che connettono lo stress psicologico alle malattie cardiovascolari sarebbe utile per potenziali interventi.

Etichette:


Inserito da: benessere salute, 15.59 | Link | 0 Commenti

Ostruzione nasale e disturbi del sonno


L'ostruzione nasale è associata ad un eccesso di russamento e di sonnolenza diurna indipendentemente dalla presenza di rinite allergica, che da sola non è associata ad alcun disturbo del sonno. E' noto che i pazienti con rinite allergica a volte accusino sonnolenza diurna, ma il contributo dell'ostruzione nasale a questo fenomeno non era stato finora ben compreso; era anche stato riportato che l'entità dell'ostruzione nasale sia positivamente correlata alla sonnolenza diurna, ma i meccanismi alla base del fenomeno e le sue correlazioni con la rinite allergica rimangono poco chiare. Benchè l'ostruzione nasale in sé non sia una patologia pericolosa per la sopravvivenza, un pronto ed appropriato trattamento rinologico migliorerebbe la qualità del sonno, e quindi anche le attività quotidiane e sociali, nei pazienti con patologie sinonasali: ciò comunque dovrà essere accertato in studi futuri.

Etichette:


Inserito da: benessere salute, 15.55 | Link | 0 Commenti