L'agopuntura

L'agopuntura è un procedimento terapeutico cinese dalle origini antichissime (V millennio a. C.) che consiste nell'infissione di aghi sottilissimi nel corpo umano in punti specifici.
Tale procedimento si basa sulla tradizione taoista secondo la quale la vita è un'alternanza di concetti opposti (maschio e femmina, caldo e freddo, Yin e Yang ecc.) e sulla suddivisione del corpo in una rete di 14 canali, o meridiani, percorsi dal qi, l'energia vitale . Il qi, trasmessoci dai genitori, può essere fortificato con il respiro, l'alimentazione e lo stile di vita. I punti (ting) su cui l'agopuntura agisce sono individuati sul sistema dei meridiani, sono diverse centinaia e corrispondono agli organi malati.

Gli aghi sono piccoli e sottili, composti da un corpo (una bacchetta di acciaio con punta affilata e sottilissima, lunga otto cm) e da un manico (una serpentina di metallo avvolto, di rame, di ottone o di materiale argentato)e vengono lasciati infissi per un tempo variabile dai 20 ai 30 minuti. Il paziente non avverte dolore, al più la sensazione di un leggero graffio.
Gli aghi, penetrando nell'epidermide stimolano direttamente le fibre nervose larghe che, grazie a cellule "cancello", bloccano la trasmissione del dolore tramite complessi meccanismi nervosi e vasomotori non ancora completamente chiari.
Non viene iniettato nulla: è il nostro stesso organismo che, stimolato a reagire, mette in atto alcuni meccanismi naturali di cura e guarigione.
Impiegata in origine per curare sintomatologie reumatiche, è stata poi usata per molte patologie (malattie allergiche, respiratorie, disturbi del ciclo ecc.).Gli stessi agopuntori sostengono che la loro terapia non è in grado di guarire tumori, malattie degenerative (come il Parkinson), autoimmunitarie (artrite reumatoide) e psichiatriche.

L'agopuntura è molto utilizzata per curare i dolori di vari distretti del nostro organismo: collo, schiena, spalle, ginocchia, anche, come pure mal di testa di varia origine, mestruazioni dolorose, gastriti, coliti, insonnia e sindromi ansioso depressive. 
Può essere impiegata da sola o come supporto a terapie farmacologiche.

Operando comunque su terminazioni nervose, l'agopuntura è in grado di ottenere risultati nel campo dell'analgesia (chirurgica o meno) che si pratica abitualmente negli Ospedali Cinesi ed oggi, in alcuni casi anche nei nostri Ospedali. Molti interventi sono stati eseguiti nei reparti di Cardiochirurgia e Ginecologia del Policlinico S. Matteo dell'Università di Pavia e negli Ospedali Bolognesi.
A prescindere da ogni interpretazione filosofica o religiosa, l'azione degli aghi produce un'insorgenza delle onde del pre-sonno e la riduzione del potenziale d'azione degli stimoli dolorosi nonché a livello cerebrale la produzione di sostanze antiserotoniniche con conseguente aumento della soglia del dolore.

L'apporto terapeutico dell'Agopuntura è verso tutte le Specialità della Medicina Occidentale. 
Non esiste lo "Specialista" nella Medicina Orientale: il Medico ha la visione del Paziente della sua globalità, ed ogni sintomo viene ricondotto alla unità (curare il malato e non la malattia).

Post a comment

300x250