L’acido piruvico

L’acido piruvico e' una sostanza utilizzata ormai da anni con successo nel trattamento dell’acne in fase attiva e dei suoi esiti, dell’aging e del photoaging.

Per le sue peculiari caratteristiche negli ultimi anni si e' cominciato ad affermare anche in medicina estetica, diventando un ulteriore mezzo a disposizione del medico estetico, che ne ha ampliato le indicazioni ed il campo di utilizzo.

Può venire usato per spianare rughe sottili del viso e residui cicatriziali d'acne, per rimuovere o comunque rendere meno evidenti le macchie cutanee da iperpigmentazione.

La peculiarita' dell’acido piruvico è di essere una molecola "piccola" e questa particolarità gli permette di penetrare agevolmente ed efficacemente negli strati piu' profondi della cute. 
Inoltre questa sostanza possiede anche una minore capacita' di legare a se molecole di acqua rispetto alla famiglia degli alfa idrossiacidi. Questa sua "lipofilia" gli conferisce grande capacita' di penetrare nel follicolo pilosebaceo dove riesce ad esplicare azione batteriostatica, sebostatica e comedolitica.

L’ampia disponibilita' di concentrazioni (40% - 50% - 60%) permette di variare la profondita' del peeling e di adattarne con semplicita' l’effetto all’inestetismo da trattare.

E’ interessante sottolineare come il suddetto acido possa essere utilizzato anche su pazienti con acne in fase attiva lieve o moderata poiché apporta una evidente diminuzione della seborrea, senza notare una significativa diminuzione dell’idratazione cutanea.

E’ inoltre un peeling che non presenta controindicazioni se non negli herpes recidivanti, nelle malattie del connettivo e nelle dermatiti allergiche ed irritative. E’ un peeling efficace, maneggevole e sicuro, che offre un vasto campo d’applicazione e si pone come ulteriore strumento a disposizione del medico estetico che con rigore scientifico si rivolge alla soluzione degli inestetismi del volto.

Post a comment

300x250